Venerdì 8 luglio, 2016 si svolgerà la consueta Assemblea annuale dei Soci di Anteo Cooperativa che quest’anno sarà dedicata al tema della violenza sulle donne.

L’assemblea dei Soci scandisce un momento importante della vita in cooperativa: non solo perché si approva il bilancio annuale, ma anche perché rappresenta una preziosa occasione di incontro e festa per i Soci, che testimonia quanto la cooperativa come luogo di lavoro possa diventare anche contesto di relazioni e rapporti, dove poter costruire solidi legami di riferimento e appartenenza. Proprio a tal fine ogni anno il momento dell’assemblea è dedicato ad un tema e quest’anno le organizzatrici dell’Assemblea, le psicologhe responsabili dei Servizi di Psichiatria di Biella e Vercelli, non hanno avuto dubbi sull’opportunità di dedicarla alle donne, ovvero alla complesse tematiche che gravitano intorno a questioni di pari opportunità, conciliazione tempi di vita e di lavoro e, soprattutto, di violenza sulle donne. Tutto ciò anche considerando che le Socie di Anteo rappresentano la maggioranza delle lavoratrici e che la cooperativa rappresenta per loro una seconda casa, dove sarebbe importante potessero trovare anche contesti di sostegno e di appoggio per affrontare momenti più difficili e delicati della propria vita.

I dati pubblici relativi alla violenza sulle donne parlano chiaro: secondo una recente stima Istat le donne che la subiscono sono almeno il 35%. In Italia nel 2015 ogni tre giorni una donna è stata uccisa da un proprio familiare: il marito, il padre, in qualche caso il figlio, e si è stimato che almeno 6 milioni e 688mila donne, di età compresa tra i 16 e i 60 anni, abbiano subito almeno una volta nella loro vita una violenza, la quale spesso non è stata denunciata, infatti il 12% delle donne sceglie di tacere, soprattutto se l’agente della violenza è stato un familiare.

Che cosa scatena questa follia omicida i cui numeri ricordano quelli di un bollettino di guerra?  La Dichiarazione adottata dall’Assemblea Generale Onu contro la violenza sulle donne, descrive la violenza sulle donne come

uno dei meccanismi sociali cruciali per mezzo dei quali le donne sono costrette
in una posizione subordinata rispetto agli uomini”.

La cultura patriarcale, ma anche la difficoltà degli uomini a considerare le manifestazioni di autonomia delle donne, la loro volontà di interrompere una relazione, l’incapacità maschile di gestire e superare un abbandono, possono essere occasioni di reazioni incontrollabili che gli uomini scatenano contro le loro compagne, spesso con esiti drammatici. Ci sono poi fattori culturali, mai trasformati e rielaborati, che fanno sentire un uomo legittimato ad esercitare forme di violenza sulla moglie, compagna o figlia. In tutti i casi, e in ogni caso, il problema urgente e grave che si pone innanzi tutto è come riuscire a prevenire gli episodi di violenza, come poter aiutare le donne che decidono di non subire più, a trovare percorsi di affrancamento.

Anteo cooperativa gestisce sul territorio molte iniziative e servizi di prevenzione della violenza sulle donne, e di sostegno alle donne in difficoltà, e questi sono sotto gli occhi di tutti. L’Assemblea dei Soci 2016 intende riuscire a creare iniziative più specificamente rivolte verso le Socie lavoratrici della cooperativa, in modo che proprio nel luogo di lavoro possano facilmente trovare l’opportunità di un aiuto, se questo è necessario. Per rendere capillare la rete di prevenzione è infatti importante che proprio i luoghi frequentati dalle donne, oltre alla propria casa, possano offrire forme di “primo ascolto” per indirizzarle verso le opportunità di aiuto più adatte. Spesso, infatti, prima di arrivare alla denuncia vera e propria, una donna lascia trascorrere molto tempo anche perché non se la sente di “denunciare” un uomo che fa parte della sua vita affettiva e di cui comprende e giustifica la fragilità. Proprio in queste fasi potrebbero essere individuate opportunità di prevenzione, perché l’aiuto psicologico rivolto alla donna, e di riflesso al proprio familiare “violento”, potrebbe fornire strumenti di cura e di supporto importanti.

Ecco perché presso la Cooperativa Anteo sarà predisposta una apposita email da usare per richieste di aiuto, le quali potranno giungere in modo assolutamente riservato alle psicologhe del Servizio di Psichiatria di Biella e Vercelli, (servizi che gestisce la cooperativa Anteo) per segnalare problematiche o richiedere aiuto, consulenza o consigli. Questo servizio di ascolto e supporto, che potrà essere offerto rispettando i bisogni di riservatezza di chi sta vivendo situazioni delicate, consente di offrire strumenti e adatti per affrontare la situazione, ed essere così uno possibilità in più di prevenzione per evitare che situazioni difficili possano degenerare.

La violenza sulle donne è un problema molto attuale e riguarda ognuno, Anteo cooperativa sta facendo molto da diversi anni e l’Assemblea dei Soci può anche essere occasione per dare visibilità ad un impegno serio e costante. Oltre a ciò l’Assemblea annuale rappresenta anche l’opportunità per i tanti servizi che la cooperativa gestisce sul territorio, di presentarsi e farsi conoscere: a tal fine sarà allestita una sala dove potranno essere esposti elaborati e prodotti realizzati con i proprio laboratori.